Alberi monumentali, storie monumentali

Insieme ai mediatori e conservatori del MUSE, passeggiando lungo le strade, nei parchi e nei giardini, incontriamo delle silenziose presenze: sono gli alberi più antichi e maestosi della nostra città. Custodiscono racconti che meritano di essere svelati: storie che si intrecciano con il paesaggio, la natura, il vissuto di generazioni intere.
Una video-rubrica per scoprire chi sono, dove si trovano, da quanto tempo vivono insieme a noi…i giganti verdi, gli alberi monumentali  di Trento.

Guarda ora

1. Platanus x acerifolia

Oltre 34 metri di altezza e più di 120 anni di età. Il protagonista del primo video della video-rubrica Giganti verdi in città è Platanus x acerifolia.
Di quest’albero sappiamo molte cose, ad esempio che è stato piantumato, insieme ad altri 51 esemplari, nel 1894, in un periodo in cui si poneva particolare attenzione all’arredo urbano.
Ma lasciamo la parola ad Andrea Bianchi, botanico MUSE, che si trova proprio all’ombra delle sue verdissime le fronde.

Dove si trova Platanus x acerifolia
Questa monumentale pianta si trova lungo la strada ciclabile di Trento che costeggia via San Severino, dalla funivia Trento-Sardagna fino al Quartiere delle Albere. Cercalo fra i 51 alberi che si susseguono lungo questo frequentato viale della città.

2. Cedro dell’Himalaya

Il Cedrus deodara di cui vi parliamo in questa puntata di Giganti verdi è alto più di trenta metri e ha una circonferenza di oltre cinque metri. Quest’albero ci permette di fare un lungo viaggio nel tempo, fino ad un momento che è stato a decisivo nella storia della nostra nazione.
I cedri originariamente vengono dalla catena himalayana, ma si trovano anche in India, Afganistan, Pakistan…come e quando sono dunque arrivati in Europa? Lasciamo allora la parola ad Helen Wiesinger, botanica MUSE, che è andata a scovare questa maestosa pianta e che ce ne descrive tutte le particolarità.

Dove si trova Cedrus deodara
Se sei di Trento ti lanciamo una sfida: guarda bene il video e prova a capire dove si trova questo splendido albero. Sarà un’occasione per uscire di casa, riconnetterti con la natura e affinare il tuo spirito di osservazione.